Che cosa fare a Biella? Venire a scoprire gli Orti della Malpenga.

La Malpenga - Friariella
La Malpenga – Friariella

 

La storia de La Malpenga.

La Villa La Malpenga è collocata in una posizione dominante, sulla collina che sovrasta Vigliano Biellese. Il suo nome è riconducibile alla famiglia che ebbe giurisdizione sul luogo dal XV al XVIII secolo.  La villa assunse la sua attuale conformazione solo dopo il 1861, quando divenne di proprietà di Giovanni Battista Biglia, un impresario edile biellese che grazie ai suoi contatti professionali, si avvalse della collaborazione dei migliori architetti e dei più validi artigiani dell’epoca. Durante quegli anni, la villa divenne sede di incontri, sia a livello nazionale che internazionali, con ospiti di grande prestigio. Ben presto poi l’orto annesso alla Villa divenne per volere dei proprietari la dimora per oltre settanta varietà diverse d’insalata.

Le insalate de La Malpenga

Le insalate sono diventate le “specialità della casa” grazie a Vittorio Buratti, il quale decise di portare a Vigliano i semi delle insalate raccolti durante i suoi viaggi. Le varietà attualmente presenti sono:

  • Cicoria a Grumolo – Rosetta
  • Acetosa (Erba Matta)
  • Cicoria Selvatica dei Campi (Erba Matta)
  • Ravanello
  • Valeriana
  • Rucola
  • Boraggine
  • Lattuga Bionda Riccia
  • Crescione
  • Senape Bianca/Rossa
  • Cavolo Rapa
  • Raperonzolo

L’evento: Gli Orti de La Malpenga

Il prossimo sabato 17 e domenica 18 settembre La Malpenga ha organizzato un’evento straordinario. Si tratta di “Gli Orti de La Malpenga”, un’iniziativa che nasce dal desiderio di far rivivere, insieme ai migliori professionisti del settore e sotto la regia dell’Accademia Piemontese Del Giardino, la tradizione che Vittorio Buratti: la coltivazione dei prodotti dell’orto e del frutteto, delle insalate e delle mele in particolare.
Gli Orti de La Malpenga si prefigge di:
– Favorire la riscoperta e migliorare la conoscenza di piante orticole e frutticole interessanti per le loro qualità organolettiche;
– Svolgere un ruolo di informazione e di educazione presso un pubblico sempre più ricettivo, partecipe ed interessato al mantenimento ed al rinnovamento del patrimonio ortofrutticolo;
– Proporre, accanto alle piante, fiori tradizionali per l’orto ed il frutteto, libri e riviste, oggetti ed attrezzature per la coltivazione ortofrutticola domestica;
– Promuovere nei giovani l’interessamento per il ritorno alla buona economia domestica rappresentata dall’orto di casa e dal frutteto famigliare.

About friariella

Travel blogger per caso, Napoletana per scelta.
Sono un’intalliatrice agonistica e campionessa mondiale di aperitivi e bis.
Mi piace viaggiare low cost, amo la buona musica e di ogni festa divento il giullare.