Vivere lontano dalla propria città ha tanti pregi. Sì lo so, dico sempre che sono napoletana e anche con un certo orgoglio ma scoprire una nuova città mi permette di scoprire cose nuove. Mi diverte il fatto  di poter barattare la mia identità con una fittizia. Mi diverte pensare ad un adesso con nuovo accenti, alle nuove abitudini da arrotolare alla quotidianeità, agli amici nuovi da conoscere, all’odore di casa nuova che ti rende straniera ma pur sempre a casa.

È difficile riuscire a spiegare questa situazione, così come è difficile riuscire a ripudiarla: mi manca dopo un po’ e sento la necessità di cambiare ancora una volta e ancora una volta ancora.

Non riesco a stare senza. Sento il ritmo, il battito, il peso, di dover prendere la valigia e scoprirmi cittadina di una nuova città e di una nuova lingua. Ma se c’è una cosa di cui non riesco a stare senza è il cibo. Mi spiace in questa sono davvero un’italiana media. Qualsiasi sia la mia nuova città, qualsiasi sia il nuovo meridiano in cui risiedo io ho bisogno di mangiare le mie cose e di mangiarle di qualità.

Ricordo ancora con orrore il momento in cui beccai le mie coinquiline spagnole a lanciare gli spaghetti contro la mattonella per testarne la gommosità: solo se si attaccano possono essere scolati, secondo loro.

13912347_1803557529878992_4854491286041963592_n

Che dire poi della concezione della pasta, della mozzarella o della cucina sana e di qualità? Questi sconosciuti non solo all’estero ma soprattutto in Italia.

Ecco in una città forte e bella come Napoli, nonostante le distanze ti rimane la voglia di saper cucinare per piacere e per diletto. Il cibo, la buona cucina e stare a tavola vissuto come momento di pura convivialità sono delle cose che mi porto dentro la valigia prima di qualsiasi cosa. È difficile però di volta in volta trovare i prodotti giusti, quelli sani e genuini. Ci sono i mercati di quartiere, ci sono i negozietti, ci sono i supermercati ma devi prima testarli per capire bene da chi e che cosa comprare. Ma da quando ho scoperto Quomi.it le cose sono decisamente cambiate.

Quomi.it è un servizio di ricette (e di corrispettivi ingredienti) a domicilio. Ordinare è molto semplice: basta andare sul sito  www.quomi.it, scegliere piatti che preferisci entro il sabato ed l martedì successivo ti arriva direttamente a casa una favolosa box contenente tutti gli ingredienti necessari per prepararli.

Un servizio unico e utile perché la qualità e la freschezza degli ingredienti: oltre al sostegno alla Fondazione Slowfood, Quomi.it predilige la filiera corta permettendo l’abbattimento dei costi. Le ricette proposte sono semplice ma al tempo stesso fantasiose. Nel mio ultimo ordine ho scelto due ricette per due persone: la piadina con verdure e mozzarella e l’insalata di pollo con maionese e pico de gallo.

La mozzarella e il petto di pollo sono arrivati sani e freschi, grazie al pacco completo di tutti gli elementi utili per tenere freschi i prodotti. Così come anche i restanti ingredienti sono arrivati sani e freschi, come se fossero stati appena raccolti. E se non bastasse le ricette sono spiegate passo dopo passo, in modo che anche per i cuochi meno esperti la cucina può diventare un divertimento.

Frigo vuoto? Scegliete la vostra spesa su Quomi.it

Buzzoole

About friariella

Travel blogger per caso, Napoletana per scelta.
Sono un’intalliatrice agonistica e campionessa mondiale di aperitivi e bis.
Mi piace viaggiare low cost, amo la buona musica e di ogni festa divento il giullare.